Hai 18 anni o più?

Per accedere a questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.
Si prega di confermare la propria età.



SÌ, ho 18 anni o più NO, non ho ancora 18 anni

Omaggi ✔️ Spedizione veloce e discreta ✔️ Molteplici opzioni di pagamento ✔️ Assistenza Ma-Ven 10:00 - 16:00

Spedizione veloce e discreta!

Spedizione Gratuita € 150+*

QUANTO È DANNOSA L'ASHWAGANDHA?

QUANTO È DANNOSA L

Se siete appassionati di integratori e salute, avrete sicuramente notato il clamore suscitato dall'ashwagandha. Un integratore utilizzato tradizionalmente da secoli e che ora ha conquistato molti fan in Occidente. Non avete sentito parlare del tumulto? O vi chiedete quanto sia dannosa l'ashwagandha oggi? Vi aggiorniamo di seguito.

Che cos'è l'ashwagandha?

L'ashwagandha (Withania somnifera) è nota anche come ciliegia d'inverno e ginseng indiano. È un'erba originaria dell'India. In realtà si tratta di un arbusto, ma la gente usa solo le radici, perché è qui che si trovano le sostanze buone. Le radici vengono essiccate e macinate in polvere. È così che si trova negli integratori.

Gli effetti sulla salute

La radice di Ashwagandha ha diversi effetti positivi che sono stati scientificamente provati. Altri effetti devono ancora essere studiati meglio per poterli affermare con certezza. Alcuni dei possibili effetti dell'ashwagandha includono

  • migliore concentrazione senza diventare nervosi
  • maggiore energia e resistenza
  • effetto anabolico; maggiore costruzione muscolare
  • miglioramento del VO2max; capacità di assorbimento dell'ossigeno
  • riduzione della sensazione di stress e ansia
  • meno cortisolo (ormone dello stress)
  • può aiutare a combattere la depressione
  • può aiutare a risolvere i problemi di sonno
  • può aiutare gli uomini che hanno problemi di fertilità
  • può aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue
  • può essere antinfiammatorio

L'ashwagandha sembra quindi un farmaco miracoloso che tutti dovrebbero usare. Ma perché bisogna comunque fare attenzione? Lo potete leggere qui di seguito.



Danni al fegato e altri rischi dell'ashwagandha

Il centro effetti collaterali Lareb ha rivelato alla fine del 2023 di aver ricevuto diverse segnalazioni sull'ashwagandha. È stato riscontrato che quattro persone hanno subito danni al fegato dopo aver usato l'ashwagandha. Tre di queste quattro persone hanno recuperato il danno dopo aver interrotto l'assunzione di ashwagandha. Il sito web del RIVM sui possibili effetti nocivi di questo integratore dice anche che le persone lo usavano per indurre l'aborto. Quindi, se siete incinte e volete rimanere tali, vi consigliamo assolutamente di non assumere l'integratore di ashwagandha. Inoltre, il RIVM riporta che non solo i medici olandesi hanno segnalato danni (al fegato) da parte di chi utilizza l'ashwagandha, ma anche medici stranieri. Quindi il panico intorno agli integratori di ashwagandha non è una rivolta locale.

Quando e come sapremo con certezza se l'ashwagandha è sicura o meno?

Ci sono stati molti studi sull'ashwagandha, quindi si potrebbe pensare che i danni al fegato e altri rischi dovrebbero essere ormai evidenti. Ma il punto è che di solito gli studi durano solo poche settimane. Inoltre, la dose varia molto da uno studio all'altro. In uno studio sono stati utilizzati 700 mg al giorno, in un altro meno di 200 mg.

Purtroppo non si sa quanto ashwagandha abbiano assunto le persone che hanno subito danni al fegato. Non si sa quindi quanto e per quanto tempo si dovrebbe usare l'ashwagandha prima di rischiare danni al fegato. Potrebbe trattarsi di mesi o anni. E può variare notevolmente da un individuo all'altro. L'ashwagandha può anche diventare dannosa reagendo con altri integratori o farmaci. Se volete andare sul sicuro, usatela sporadicamente o, se volete seguire il consiglio del RIVM, non usatela (per il momento). Soprattutto se si è incinta o si desidera una gravidanza.